Film. Il Dogma danese che parla italiano
di Davide Pizzichelli


In una cittadina danese alcune persone finiscono per frequentare, ciascuna con motivazioni proprie, un corso comunale di italiano. Sono figure molto diverse fra loro, ma tutte accomunate dalla solitudine: c'Ŕ Finn, scorbutico cameriere tifoso juventino, Jensen, timido portiere d'albergo, la parrucchiera Karen, Olympia, commessa un po' imbranata in una pasticceria, Andreas, il nuovo pastore protestante ed infine Giulia, la cameriera italiana. Il racconto ci mostra la nascita d'un singolare gruppo di amici e confluisce nell'autoironico lieto fine veneziano. Il film scorre con grande leggerezza, pur tessendo una fitta trama di vicende personali: i momenti tristi si alternano agli aspetti paradossali delle vite intime dei personaggi ed a situazioni d'un umorismo contenuto ma irresistibile. Inoltre, l'uso di luci naturali e la spontaneitÓ della macchina da presa contribuiscono a creare un'atmosfera di allegria. Il film dunque convince per freschezza e semplicitÓ, doti confermate dall'attribuzione dell'Orso d'Argento al Festival di Berlino del 2001.

Lone Scherfig Ŕ la regista quarantaduenne autrice della prima commedia targata "Dogma". Ci˛ significa che il film si rifÓ alle regole contenute nel manifesto estetico-politico stilato nel marzo del 1995 dai registi danesi Lars Von Trier e Thomas Vinterberg e meglio noto come "Voto di castitÓ". Questi si sono prefissati come obiettivo la creazione d'un cinema non artificioso ed essenziale. Segnaliamone a grandi linee le caratteristiche: riprese dal vero senza scenografie, suono in presa diretta, cinecamera a spalla, film a colori con illuminazione naturale, assenza di flashback.

L'intento degli animatori di tale manifesto Ŕ quello di costringere la veritÓ ad uscire dai personaggi e dalle ambientazioni, spesso trascurando considerazioni di buon gusto o di carattere estetico. Soprattutto su quest'ultimo aspetto hanno fatto leva film provocatori quali "Idioti" di Von Trier e "Festen" di Vinterberg. Il bel lungometraggio della Scherfig apre in tale ricerca delle prospettive nuove quanto inattese.

5 luglio 2002

"Italiano per principianti". Danimarca, 2000. Regia: Lone Scherfig. Genere: commedia. Con: Anders W. Berthelsen, Anette Stovelbaek, Ann Eleonora Jorgensen, Lars Kaalund, Peter Gantzler, Sara Indrio Jensen.
 

stampa l'articolo